BALDOfestival, fin dalle sue origini, ha rivolto attenzione all’arte, all’arte contemporanea in particolare, come modalità di conoscenza ed interpretazione della realtà.

Forse l'attività principale legata a questo ambito è l'oramai consolidato appuntamento con la Biennale di Arte Ambientale "Sentieri nell'Arte" nell'alveo deo Torrente Tasso che fa sì che questo splendido luogo naturale sia re-inventato trasformandosi in un museo a cielo aperto.

Ma anche altri luoghi sono stati re-inventati, negli anni, per dare vita a performance ed installazioni: i capannoni della dismessa fabbrica Cometti, risorta come “Fabbrica delle idee” nel 2003, Palazzo Carlotti, con la sua facciata, il giardino, il portico, nell’edizione del 2004 centrata sulle performances artistiche e, fuori dal territorio di Caprino, Forte Wohlgemuth a Rivoli Veronese, spuntato nell’estate del 2005 come fiore profumato nella Val D’Adige, e ancora i vicoli e i cortili di Pazzon, rivestiti di scritte di luce, “fino a qui tutto bene”, nel 2007.

In una materia evanescente come l’arte, costante è stata la proposta di un tema, di una traccia, che ancorasse la creatività degli artisti ad una realtà territoriale ed a significati vitali per ogni uomo. Ricordo, fra i temi, “Per fumum. L’essenza delle cose”, a Forte Wolhgemuth, dove gli artisti erano chiamati ad evocare i profumi dell’esistenza,  ed ancora “La fabbrica delle idee”, che ha valorizzato il vivere quotidiano in uno spazio fortemente connotato dalla vita e dal lavoro di ieri, solo per citarne alcuni.

Nelle varie edizioni, BALDOfestival... arte ha coagulato attorno a sé un gruppo di artisti, tra cui moltissimi giovani, affermati e da valorizzare, che si sono più volte riproposti, costruendo legami fra loro, con i luoghi, con gli abitanti dei luoghi, con il pubblico dei visitatori.

A partire dal 2013 è iniziata, in campo artistico, una collaborazione con la scuola primaria di Pazzon con il progetto "Piccole sculture crescono" che ha lo scopo di avvicinare gli alunni ai nuovi linguaggi dell’arte contemporanea. Alcuni artisti, insieme ai bambini, progettano e realizzano un’opera da collocare nella Valle del Tasso

Il pubblico negli anni si è selezionato, ha costruito aspettative, curiosità, desiderio di nuove scoperte, richiedendo l'attivazione di nuove proposte che sono oggi in corso. In particolare:

Andar… per mostre: un’iniziativa volta ad accompagnare un pubblico di appassionati ad ammirare mostre, musei e siti di interesse storico/artistico. Annualmente viene elaborato con la prof.ssa Nadia Melotti, consulente in campo artistico dell’associazione BALDOfestival, un calendario di uscite mensili alla scoperta di Esposizioni significative e di palazzi, chiese, edifici che rappresentino esempi significativi dal punto di vista artistico o architettonico.

Conversazioni sull’arte: un percorso nella storia dell’arte diverso e dinamico capace di affrontare, attraverso differenti tematiche, le innumerevoli ricerche estetiche realizzate da importanti artisti tra l’800 e il ‘900. Gli incontri vengono proposti come conversazioni che attraverso l’arte scorrono la vita e ci stimolano a condividerla